Borsa Di Mary Poppins

Il Safari nel parco nazionale dello Tsavo

Quando si decide di fare un safari bisogna subito sapere una cosa: gli animali non aspettano che passate in macchina e non si mettono in posa per farsi fotografare. Si è in mezzo alla natura, dovete avere rispetto dell’ambiente circostante, non potrete scendere dalla jeep che vi accompagna in questo percorso e soprattutto non si eseguono fuoripista. Questo significa che bisogna partire attrezzati con un buon binocolo o se siete appassionati di fotografia con una buona ottica lunga per vedere l’animale da lontano.

Il safari che abbiamo scelto noi prevedeva due notti fuori, anche se solitamente vi propongono quello di una giornata o con una notte fuori. Noi avendolo già fatto in Sud Africa sapevamo che è meglio stare per più tempo per avere maggiori probabilità di incontrare più animali.

Il nostro safari è stato organizzato dall’hotel dove alloggiavamo il Twiga beach, in collaborazione con vivere travel e settemari. Una delle particolarità del safari è la notte, quando potrete sentire rumori della natura e capire quanto è buia la notte!

All’interno del parco ci sono due alloggi: una notte abbiamo dormito in uno dei due mentre la notte successiva abbiamo campeggiato subito fuori il parco.

   

 

   

   

PARCO NATURALE DELLO TSAVO

Il parco è stato inaugurato nel 1948 ed è il più grande dei parchi africani contando 11747 km. La maggior parte delle terre è frequentabile dal pubblico mentre la rimanente è destinata alla ricerca. Per fare un confronto, questo parco è grande quanto l’intera Toscana!

Il parco viene attraversato dal fiume Galana, le cui acque sono molto frequentate da coccodrilli e ippopotami. All’interno del parco troverete anche l’altipiano Yatta così come piscine naturali e dighe varie.

Collocato tra Nairobi e Mombasa, è una zona naturale con ambiente secco stagni paludosi per le vicinanze del fiume. Tantissimi animali sono visibili in un posto come questo: leoni, elefanti, leopardi, rinoceronti e bufali ma anche ippopotami, ghepardi, giraffe, zebre, antilopi e tantissime varietà di uccelli, roditori e piccoli rettili.

 

 

 

GLI ANIMALI DEL PARCO DELLO TSAVO

Come detto già in precedenza, se decidete di intraprendere l’avventura del safari, dovete ricordarvi che nessuno scende mai dalla jeep che vi accompagna. Gli animali si trovano nel loro habitat naturale, si potrebbero sentire aggrediti e potreste mettere in pericolo la vostra vita.

Anche se non abbiamo visto leoni in questo safari,  vi ricordo che sono leoni dell’Africa orientale, diversi da quelli del SudAfrica, con criniera meno folta e più “spettinata” e corpi più esili.

Durante il nostro safari, abbiamo potuto vedere in svariati posti gli elefanti: è facile vederli attraversare la strada, ma anche osservarli sotto agli alberi di acacia, o mentre mangiano. In questa zona sono contraddistinti dalla colorazione rossastra della loro pelle, dovuta alla terra su cui camminano di colore rosso. Quando uno del branco muore, gli altri del gruppo, scavano una fossa, e tornano ogni anno a rendergli omaggio.

Altro animale che ci ha veramente colpito molto, è l’ippopotamo. Uno degli animali erbivori più aggressivo che esiste sul nostro pianeta. Molto veloce negli attacchi, ha delle zanne che non servono solo per strappare l’erba da terra ma anche per infliggere ferite quasi mortali.

 

Le zebre sono anche loro sempre colte da queste splendide sfumature rossastre donate dalla colorazione della terra. Sono veramente bellissime, quasi ipnotiche con le loro strisce caratteristiche. Le potrete vedere in branco ma anche in gruppi meno numerosi.

   

 

   

 

 

 

 

I bufali si scorgono in mandrie sono animali imponenti e pericolosi. Se ne trovate poi uno da solo, molto probabilmente è stato escluso dal gruppo e per questo più incline alla carica!

Ma le mie preferite in assoluto sono state le giraffe! Sono eleganti, altissime, colorate. Sembrano dominare tutti dall’alto del loro collo.

Numerosi altri animali abbiamo scorto tra la vegetazione: antilopi, daini, facoceri, scimmiette curiose adagiate sui cavi dell’alta tensione, ma anche cani della prateria e piccoli roditori. Un’esperienza unica ed irripetibile!

 

 

 

 

Tanti piccoli e coloratissimi rettili troverete al parco naturale dello Tsavo ma attenzione! non tutti saranno piccoli, infatti in alcune zone limitrofe ai corsi d’acqua e alle piscine naturali, vivono i silenziosissimi coccodrilli!

   

Per gli amanti del birdwatching, questo è il luogo giusto! Qui infatti potrete vedere e scorgere in ogni angolino del parco, ben oltre 300 esemplari differenti di uccelli. Da quelli più grandi come lo struzzo a quelli più piccini e difficili da scorgere ad occhio nudo come i falchetti.

   

 

(Visited 1 time, 1 visit today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud


css.php