Borsa Di Mary Poppins

Festeggiare il compleanno in Garfagnana presso il Renaissance Tuscany

In questo periodo chi non sogna ad occhi aperti un weekend all’aria aperta, tra colline sconfinate, sentieri antichi pieni di storia e scorci mozzafiato?

Così lo scorso weekend, io e Met, siamo partiti alla volta il Renaissance Tuscany Il Ciocco a Barga in Garfagnana , in Toscana.

Nominato come uno dei migliori resort in Europa, è un’oasi di pace e tranquillità nel bel mezzo delle campagne vicinissime a Lucca. Circondato da meravigliosi giardini e parchi nella Media Valle del Serchio, una delle aree più incontaminate della zona.

L’hotel è molto confortevole, con una vista su Barga e altri piccoli borghi limitrofi della Val di Lima. Inoltre vi potrete far coccolare dal dolce tepore del sole, stesi su uno dei fantastici lettini a bordo piscina sulla mega terrazza panoramica.

Dalla nostra stanza la vista era spettacolare! Appena arrivati, ci siamo rilassati subito a bordo piscina, ma soprattutto mi era stato riservato uno stupendo massaggio rilassante nella Spa dell’Hotel!

La cena è stata servita nel ristorante dell’Hotel, con piatti squisiti e caratteristici della zona, sulla terrazza panoramica all’aperto.

 

Il giorno seguente dopo la colazione, avevamo in programma una passeggiata in bicicletta. Niente paura, le biciclette hanno la pedalata assistita così non sentirete la fatica nelle salite che vi aspettano: il Ciocco è una tenuta di 700 ettari, ed è stato fantastico poter fare questa escursione all’aria aperta. La cosa più divertente ma a cui bisogna veramente prestare attenzione sono le discese: le biciclette di questo tipo arrivano a fare fino a 60 km/ora in discesa!

Arrivati su abbiamo pranzato con un pic nic squisito!!

 

Alla sera invece, abbiamo partecipato ad un wine testing con menù tipici della zona abbinati certamente ai vini offerti.

COOKING CLASS E SPESA AL MERCATO DI BARGA

Una delle cose divertenti ed istruttive, è stato partecipare alla cooking class con scelta di prodotti direttamente al mercato di Barga. Bello perchè andando al mercato con un cuoco esperto nello scegliere i prodotti migliori, si imparano i concetti di stagionalità e di qualità, concetti che spesso per fretta non abbiamo a cuore.

Il piccolo borgo di Barga somiglia un po’ a quello che si ritrova quando si va a visitare le cinque terre della Liguria. E’ il borgo cittadino più importante della Garfagnana, per l’importante eredità culturale, storica ed artistica e area verde per eccellenza della Toscana.

Le portate cucinate da noi cucinate (o almeno ci abbiamo provato 😉 ) sono state: ravioli ricotta e spinaci, pappa al pomodoro e panzarella toscana. A casa voglio assolutamente rifare la panzanella toscana.. me ne sono innamorata!!

 

 

FESTEGGIARE IL COMPLEANNO IN TOSCANA

Eh si, anche quest’anno mi tocca festeggiare! E che modo meraviglioso, in questa tenuta magnifica, avvolta dalle colline Toscane. Dopo aver cucinato ed imparato nuovi e squisiti piatti, il Renaissance Hotel mi ha fatto una sorpresa meravigliosa facendomi trovare una torta deliziosa!!!

TREKKING DEI 5 BORGHI

Dalla tenuta “Il Ciocco” abbiamo poi intrapreso un percorso turistico di trekking che percorre un’antica strada creata da pastori nel 700 i quali la utilizzavano per passare da un borgo ad un altro.

Il sentiero che si percorre è segnato da uno splendido scenario naturalistico. Una passeggiata che dura circa tre ore, immersi nel verde che conduce all’improvviso ad incantevoli borghi posizionati su alti valli.

Probabilmente di origine romana, sono quasi fatti tutti in pietra, molto affascinanti, ti incantano con la magia di tempi antichi, circondati da una natura quasi incontaminata, che fa tornare indietro nel tempo.

E’ un percorso bello, abbastanza facile e non molto ripido. In Garfagnana troverete tantissimi sentieri per fare trekking uno più bello dell’altro, c’è l’imbarazzo della scelta!

 

PONTE DEL DIAVOLO

Prima di lasciare queste terre stupende, siamo passati a visitare una delle architetture più strane che io abbia mai visto. Il Ponte del Diavolo, così conosciuto ma il suo vero nome è Ponte della Maddalena, si erge a Borgo a Mozzano, in provincia di Lucca.

Fatto costruire da Matilde Canossa, ha una struttura del tutto insolita, con un arco sproporzionato rispetto agli altri e quasi innaturale. Attraversato dal fiume Serchio, negli anni ha subito delle ristrutturazioni, la più grave delle quali fu in seguito ad un esondazione del fiume.

Perchè però questo nome insolito? La legenda narra che il muratore incaricato di ultimare il ponte, fu preso dallo sconforto, ed evocò il Diavolo. Questi gli promise il suo aiuto in cambio dell’anima della prima persona passata sul ponte. Il muratore accettò ma preso dalla paura andò dal parroco per ideare una strategia e circuire il Diavolo. Fu così che buttarono un pezzo di focaccia sul ponte ultimato e fecero passare un cane (o una capra, secondo altre versioni, spinta dal popolo), facendo adirare il Diavolo, il quale modifico in modo innaturale il ponte creando questa struttura unica nel suo genere.

Insomma una legenda ricca di particolari, misteriosa, creativa, ma che dona al ponte un fascino tutto da scoprire.

 

(Visited 12 time, 1 visit today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud


css.php