Borsa Di Mary Poppins

KAPAMA PRIVATE GAME RESERVE: IL LEOPARDO

KAPAMA PRIVATE GAME RESERVE

Kapama. Gli ultimi due giorni in Sudafrica li abbiamo trascorsi al Kapama Private Game Reserve. Un’alta bellissima riserva in mezzo al Bush. Qui l’arredamento era completamente diverso, super moderno ed elegante. Anche il Kapama da la possibilità di fare due Game Drive al giorno alle 6.00 del mattino e alle 16.30 del pomeriggio. Si stata fuori quasi 3 ore per volta, ma vi posso assicurare che il tempo vola quando si cercano gli animali.

  

FOTOGRAFARE GLI ANIMALI

Ammetto di aver pensato che sarebbe stato più facile scattarli, so che gli animali sono imprevedibili, li avevo già scattati, vi ricordate qui al Gran Paradiso? Li ho imparato molto sulla fotografia naturalistica. Questa volta è stato diverso, innanzi tutto ero su una macchina a scattare e non potevo muovermi, quindi non potevo scegliere la posizione migliore. Era quella dove mi trovavo e basta, potevo muovermi solo in 10cm in 10cm. Non so se mi avete seguito sulle stories, ma come ottica avevo noleggiato un 150-600 di sigma (trovate il link qui) quindi un vero cannone! Molto pesante e molto difficile scattare per chi come me ha due braccia da donna 🙂  Infatti se non avete troppa forza nelle braccia lo sconsiglio, ma se siete abituate a portare peso è una bomba!!

Al Kapama ho visto una varietà incredibile di animali: giraffe, zebre, facoceri, scimmie, manguste, avvolti, leoni, leonesse..e il leopardo.

  

 

   

   

   

   

    

IL LEOPARDO

Vederlo è stato davvero inaspettato. Poco prima ci eravamo fermati per fare aperitivo, quando ho sentito un ruggito, ingenuamente ho chiesto con la nostra ranger “è un elefante vero?” e lei mi ha risposto “no un leone.” In quattro e quattr’otto abbiamo fatto su tutto e siamo saliti in macchina per cercare il leone. Era li che dormiva pacifico e noi lo abbiamo svegliato (vedete le foto sopra). Dovete sapere che i leoni sono dei gattoni e dormono tutto il tempo quindi era davvero innocuo in quel momento, ma è importante sempre restare a distanza di sicurezza.

Poco dopo arriva la chiamata da un’altra jeep ” un leopardo”. Vederli è veramente raro perchè stanno sempre nascosti dentro al bush, dove noi non possiamo andare. Abbiamo seguito il percorso tramite le tracce che aveva lasciato sul terreno, la nostra rager aveva ipotizzato che potesse passare da una parte: e così è stato. Scattarlo è stato difficilissimo, era molto lontano, non c’era luce se non quella che buttava il nostro avvistatore, ma se siete pratici di macchine fotografiche, saprete che fare una foto buona in quelle condizioni non è facile.

A un certo punto mi sono accorta che il mio super zoom non metteva più a fuoco, l’ho abbassato e ho capito il perchè: il leopardo era di fronte a me. Ci siamo guardati per un attimo e ammetto di aver avuto la pelle d’oca, bastava un balzo per essere il suo pasto. Guardandolo negli occhi si capiva che anche lui però aveva paura, infatti ha abbassato la testa e ha girato l’angolo. Puff era andato.. ma che emozione..

I BIG FIVE

Purtroppo aldilà delle montagne è possibile cacciare gli animali. Le nostre guide ci hanno spiegato che arrivano tanti texani e russi per il solo gusto di ucciderli. Anche dentro al Kapama, pur essendo una riserva privata, sono riusciti ad entrare e rubare il corno a un rinoceronte. E’ davvero qualcosa di terribile. A quanto sembra però il governo sta iniziando a fare qualcosa per 5 big five: leone, leopardo, bufalo, elefante e rinoceronte. Gli animali più pericolosi della Savana.

  

      

Cosa dire di questo viaggio fantastico? Beh dire che è stato incredibile è dire poco, credo che non ci siano parole per descriverlo. Era un sogno della vita e non credevo l’avrei mai realizzato e sopratutto non credevo che avrei mai visto tutti questi animali.

Grazie al Royal Malawane e al Kapama perchè questi due resort sono riusciti a farmi vivere qualcosa di magico. Consiglio a tutti voi di provare una volta nella vita questa esperienza.

(Visited 68 time, 1 visit today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



css.php