Borsa Di Mary Poppins

DAR JAGUAR: HOTEL RIAD MARRAKESH

UNA VACANZA AL DAR JAGUAR

Dar Jaguar. Ragazze, è arrivato il momento per parlarvi del bellissimo hotel in cui ho alloggiato a Marrakesh. Il Dar Jaguar è un hotel ma anche un Riad, una casa con giardino interno. I Riad sono tipici del Marocco e sono arricchiti con piscine, fontane, statue, colonnati. Una vera favola. Nel prossimo articolo vi parlerò dei Riad che ho visitato durante il mio viaggio e vi farò vedere la loro bellezza con le foto che ho scattato!

Ma torniamo a noi, il Dar Jaguar. L’hotel si trova nel centro della Medina, in una posizione strategica per visitare la città. La Medina è infatti il centro spirituale e geografico della città marocchina. Al mio arrivo, mi hanno accolto con un caldo tè alla menta. Mi hanno insegnato che bevendo qualcosa di caldo il corpo trova sollievo contrastando le alte temperature del posto. Proprio come fanno le popolazioni nomadi del deserto. Potrebbe essere un buon consiglio anche per questi giorni caldissimi in Italia? Provate e fatemi sapere!

L’hotel è a conduzione famigliare e vi coccolano proprio come se foste a casa! Colazione a base di frutta fresca, crepes e uova con il pomodoro per iniziare la giornata con la giusta carica! E poi la tranquillità di non dover chiudere a chiave la camera. Anzi, non avere la chiave per chiuderla! ”Non ce n’è bisogno, ci siamo noi!”…e in effetti avevano ragione!

Ho dormito nella camera blu Gossamer Wings e nella suite The State of Grace, entrambe eleganti, colorate e perfette per un po’ di pace e riposo. Le vedete entrambe nelle foto che ho pubblicato con l’articolo.

IL CIBO, UNA PIACEVOLE SORPRESA

Una delle sere del mio viaggio l’ho passata sui tetti di Marrakesh. Si, letteralmente sui tetti. Una cena a lume di candela nella meravigliosa terrazza dell’hotel con la vista sul centro della città. Mi hanno fatto assaggiare il tajin di carne e quello di verdure. Un piatto tipico che vi consiglio, è buonissimo!

Per non parlare della frutta: saporita e colorata dal sole che illumina questa terra incredibile. Non tutti però potevano gustarsi liberamente le bontà della terra marocchina. Infatti, il periodo in cui sono stata in Marocco era per loro il periodo del Ramadan. Un mese durante il quale (a parte poche eccezioni), i musulmani devono astenersi completamente dal bere e mangiare dall’alba al tramonto. Ciò che ho scoperto è che è anche il “periodo dei pensieri positivi”. Ciò significa che sono stati tutti veramente gentili, a volte così tanto da lasciarmi stranita! Il consiglio è quindi sicuramente quello di andare a visitare il Marocco durante il mese del Ramadan, si respira un’aria di fede e pace senza eguali!

Vi lascio qualche foto e tornerò presto da voi con altri racconti del mio viaggio!

 

dar jaguar

  

  

       

  

  

(Visited 81 time, 1 visit today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Protected with IP Blacklist CloudIP Blacklist Cloud


css.php